ISO: uno specchio fatto di suoni

banner

ISO: uno specchio fatto di suoni

Il principio di ISO in musicoterapia è un concetto che sta alla base del modello di musicoterapia attiva teorizzato dal professore Rolando Benenzon, medico, psichiatra e musicista argentino, pioniere della disciplina.


Il termine ISO significa “uguale” e riassume in sè i suoni ed i fenomeni sonori interni che ci definiscono e caratterizzano: i suoni appartenenti alla nostra vita prenatale intrauterina (battito cardiaco, rumori del liquido amniotico, le voci ovattate provenienti dall’esterno), il vissuto sonoro della nascita (le voci e i rumori della sala parto, il nostro primo respiro, il pianto), il vissuto sonoro dell’infanzia fino alla nostra età attuale (ISO culturale, gruppale, di interazione).


Tutto ciò è parte di un unico ritratto sonoro di noi stessi, tale e quale ad immagine riflessa allo specchio.


La nostra identità sonora “ISO” risiede in parte nel nostro subconscio ed è ciò che Benenzon definisce “la parte dimenticata della personalità”. Compito del terapeuta è quello di instaurare una relazione profonda, un canale comunicativo non-verbale tra il proprio ISO e quello del cliente.

Leave a Reply